Pagina Ufficiale
Instagram

Unghia Incarnita

Unghia Incarnita

Quali sono i sintomi dell’Unghia Incarnita?
L’unghia incarnita (descrizione medica: onicocriptosi, ipertrofia del bordo o del vallo ungueale o ungualabia ipertrofica) è una patologie delle unghie molto diffusa maggiormente nell’uomo, ma colpisce anche le donne, e si manifesta in soggetti di età compresa tra i 20 e 30 anni.

 

Primi Sintomi
Il primo sintomo che si presenta è il dolore e l’arrossamento della stessa, oltre alla formazione di vescichette al suo interno ripiene di liquido lattiginoso o giallastro che tendono a scoppiare emanando un cattivo odore.

 

Quali sono le cause dell’Unghia Incarnita?
Una delle cause principali che genera l’unghia incarnita è sicuramente il modo in cui vengono tegliate le unghia nel lato esterno: troppo corte, quando vengono strappate o tagliate storte , esse tendono a ricrescere in modo anomalo. Altre cause sono: diabete, infezione fungina a livello delle unghie del piede, malattia ai piedi o unghie in generale, dita dei piedi con lunghezza eccessiva, ripetuti traumi al piede, obesità, interventi chirurgici , postura scorretta, scarpe troppo strette.

 

Primo Intervento

Si consiglia di effettuare trattamenti disinfettanti.
Quale Specialista
In questi casi è opportuno rivolgersi ad un medico Dermatologo.

 

La Cura
Si possono adottare varie tecniche chirurgiche nella cura dell’unghia incarnita. Tra quelle più note si può trovare l’avulsione del bordo della placca ungueale, la riduzione del bordo ungueale ipertrofico, l’asportazione parziale o completa della placca ungueale. Il tasso di recidive post-operatorie è molto elevato, infatti, a seconda della tecnica utilizzata, si va dal 77 all’86%.

 

Come Prevenire
Per prevenire il la formazione dell’unghia incarnita si consiglia un’igiene corretta dei piedi.